2017 Harvesting : Happy End for this dry and hot Summer! Vendemmia 2017: lieto fine per questa estate torrida!


At the end of this really hot and dry summer, our hand picking, with a careful selection of grapes, was still great! Results that can not be lost …

Alla fine di questa estate davvero calda e secca, la nostra raccolta a mano, con un’attenta selezione delle uve, è stata lo stesso fantastica! Risultati che non potranno andare persi …

Vigne dei Mastri su La Stampa


Scrive Fiammetta Mussio su La Stampa di lunedì 12 aprile 2010:

“«Ci sono tanti modi per rovinarsi: le donne, il gioco. Uno è più lento, ma sicuro, dice il mio amico Domenico Clerico: l’agricoltura. Io l’ho scelto ». Daniele Comba è al suo primo Vinitaly. E’ un po’ disorientato: lui è medico, tra i più famosi ortopedici di Torino. Ma non è pentito della “follia”: investire i risparmi per comprare vigne a Costigliole d’Asti.

Cinque ettari di Barbera, in località Loreto. La cantina «Vigne dei Mastri » nasce nel 2002. Quattro anni dopo, la prima vendemmia. Oggi, sono 18 mila bottiglie firmate dall’enologo Mario Redoglia. E’ la seconda vita dell’ortopedico. Figlio del pittore Emilio, ha 56 anni, quattro figli e un sogno. Metà settimana in sala operatoria, l’altra metà tra i filari. Dottor Comba, com’è nata la sua passione? «Tra i miei pazienti, tanti sono vignaioli: mi hanno incantato con i racconti della Langa e del Monferrato, delle nebbie e dell’uva che matura. Amo il vino e ho sempre invidiato chi respira la terra. Alla fine, la pazzia l’ho fatta davvero. All’inizio mi guardavano tutti come il medico matto che non sa cosa sta facendo. Tranne mia moglie Paola e i miei figli Arturo, Galileo, Marcello e la piccola Chiara: hanno creduto nel mio progetto e io ho dedicato loro le quattro etichette dell’azienda. L’ultima uscita in primavera, la Barbera selezione “Galileo”,  per i suoi 18 anni».

E i suoi amici vignaioli? «Devo dire grazie a tanti: soprattutto a Gianni Coppo e l’agronomo Nicola Argamante. Mi hanno dato buoni consigli ». E’ più faticoso fare il medico o il vignaiolo? «Se fatti bene, sono entrambi mestieri impegnativi: operare e fare il vino richiedono meticolosità e cura del dettaglio». Che cosa la emoziona di più di questa attività? « Aver piantato 23 mila barbatelle. Le chiamo le mie 23 mila figlie, la burocrazia vitivinicola invece la lascio a mia moglie”. Che impressione ha avuto del Vinitaly? «Sono un piccolo sconosciuto circondato da molti famosi. Mi rendo conto di avere una debolezza commerciale. Comunque ho avuto un paio di buoni contatti con due importatori americani e uno svizzero. Vedremo. Sono già negli Stati Uniti, in Canada e Giappone. A 25 mila bottiglie, mi fermo. Voglio fare una bottega artigianale della Barbera, non un’industria: buon vino a un prezzo onesto, sotto i 10 euro. E a 60 anni, mi trasferisco a godermi i miei vigneti e la pensione».

Leggi l’articolo su lastampa.it

Vinitaly 2010 – Grazie a tutti! Thanks to All!


E’ andata!  Vinitaly 2010 si e’ appena concluso e Vigne dei Mastri vuole ringraziare tutti:  importatori, trader, ristoratori, giornalisti, amici, che ci siete venuti a trovare con curiosita’ e simpatia! GRAZIE…. ed arrivederci!

Done! Vinitaly 2010 is  just over and Vigne dei Mastri would say Thank You to everyone: Traders  &  Importers, Chefs, Wine Writers, Friends…. We are very proud of your questions and appreciations! THANK YOU and …..Arrivederci!

Vigne dei Mastri vi ringrazia della accoglienza che avete fatto a Galileo…


Galileo è la Barbera d’Asti Selezione 2007 di Vigne dei Mastri. Una importante novità che si aggiunge all’offerta della nostra azienda. Galileo si caratterizza per il colore rosso rubino profondo con riflessi granato e i profumi intensi di mora, confettura di prugne, cuoio, spezie e vaniglia. Al gusto è molto morbido, elegante, con tannini tenui vellutati.

Ma molto più delle parole conta la degustazione…

Per questo abbiamo avuto il piacere di invitarvi lunedì 1° marzo all’Enoteca Al Sorij a Torino, dalle 18 alle 21 per presentarvi Galileo.

….Grazie di essere intervenuti numerosissimi!!!

 

 

“Galileo” – Barbera d’Asti Selezione 2007


Galileo - Barbera d'Asti Selezione 2007

Degustazione

Colore rosso rubino profondo con riflessi granato. Profumi intensi di mora, confettura di prugne, cuoio, spezie e vaniglia. Al gusto è molto morbido, elegante, con tannini tenui vellutati. Grande equilibrio in un finale di lunga persistenza. E’ consigliabile servirlo alla temperatura di 18-20 °C.

______________________________________

Dark ruby red wine, with a medium to full body and scents that remind of blackberry, plums jam, leather and vanilla cream. Spicy, good acidity and some nice earthiness with smooth tannins give this wine a great balanced length and structure. It is advisable to serve at temperature of 18-20 °C.

Slow Food dice di Vigne dei Mastri


chiara

Vigne dei Mastri è tra le aziende selezionate da Slow Food per la GUIDA AL VINO QUOTIDIANO 2010 – I migliori vini d’Italia a meno di 10 euro in cantina.

Dice Slow Food di noi:

“Vigne dei Mastri è un’azienda di piccole dimensioni nata da poco, nel 2001. Conta solo 4 ettari di vigneto, a Costigliole d’Asti, ma è riuscita a regalare tre prodotti della vendemmia 2007 di buon livello. Ottimi il Monferrato Bianco e la Barbera d’Asti. Il primo offre piacevoli sentori di legno dati dall’affinamento in barrique sui lieviti per sei mesi e chiude armonico. Il secondo è salmastro al naso e in bocca è dotato di notevole lunghezza. Da un blend di barbera, merlot e albarossa nasce il Monferrato Rosso marcello, ricco di tannino.”

Vigne dei Mastri ringrazia!

Vigne dei Mastri con le eccellenze del design


Mercoledì 30 settembre, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Birago a Torino, è stata illustrata l’attività dell’ADI Delegazione Piemonte e Valle d’Aosta per il triennio 2009-2011 che comprende l’itineranza della mostra ADI Design Index, inaugurata lo stesso giorno alle 18 nelle sale auliche del palazzo.

Alla conferenza stampa di presentazione della mostra “Le eccellenze del design piemontese” ha partecipato il Direttivo dell’ADI territoriale e il segretario generale della Camera di commercio di Torino Guido Bolatto.

Vigne dei Mastri, come fornitore ufficiale dell’evento, ha partecipato all’inaugurazione, testimonial delle piccole e grandi eccellenze piemontesi.

Molti dei piccoli e grandi oggetti che hanno migliorato la vita quotidiana di viaggiatori e consumatori italiani e nel mondo sono proprio nati in Piemonte, da designer e da aziende di grande professionalità conosciute a livello internazionale. Molti di questi oggetti saranno esposti presso la sede della Camera di commercio di Torino a Palazzo Birago in via Carlo Alberto 16, fino al 14 ottobre 2009, in una mostra dal titolo “Le eccellenze del design piemontese”, ideata dalla Delegazione Piemonte e Valle d’Aosta dell’ADI – Associazione per il Disegno Industriale e promossa dalla Camera di commercio.

E’ iniziata la vendemmia dei rossi!


Arturo sta selezionando i grappoli per la "sua" Barbera d'Asti "Arturo" DOC.
Arturo sta selezionando i grappoli per la “sua” Barbera d’Asti “Arturo” DOC.

E’ iniziata oggi la vendemmia 2009 delle uve a bacca rossa! Per prima gli opulenti grappoli di Barbera, da cui si otterranno le nostre 2 Barbere:  “Arturo” e  “Galileo”.
Nei prossimi giorni, a conclusione di questa vendemmia di Vigne dei Mastri,  si passera’  ai raffinati  Merlot ed Albarossa, destinati al  Monferrato Rosso “Marcello”.

The harvest of red grapes started today!   First  the opulent Barbera grapes,   for the 2 Vigne dei Mastri  wines : “Arturo” and “Galileo”.  In the coming days, at the conclusion of this 2009 vintage,  the harvest of  fine Merlot and Albarossa  grapes,  for the Monferrato Rosso “Marcello”.

MARCELLO vince la Douja d’Or 2009


Marcello 2007Si scrive “Douja” e si legge “dùia”. Così si chiamava l’antico e panciuto recipiente contadino usato in cantina per travasare e contenere il vino.

Ad Asti dire Douja è come dire festa del vino! Quando l’estate regala le sue ultime briciole e tutto intorno profuma di vendemmia Asti si trasforma nella più grande e qualificata cantina d’Italia. Nei saloni e nei cortili degli storici palazzi va in scena la “Douja d’Or”, il risultato di un esame di maturità per centinaia di vini di tutte le Regioni d’Italia. Per fregiarsi dell’ambizioso bollino (marchio che rappresenta l’antico contenitore insieme con tralci e grappoli disegnato da Giugiaro) i campioni di vino, in bottiglie rigorosamente anonime devono superare il severo giudizio dei sensi, dalla vista, all’olfatto, al gusto. A garantire l’imparzialità e a determinare il punteggio, che non deve essere inferiore a 85/100, sono gli esperti dell’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vini).
La Camera di Commercio di Asti con la collaborazione tecnica dell’O.N.A.V. (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) bandisce ogni anno il Concorso Enologico Nazionale per vini a DOC e a DOCG “Premio Douja d’Or”.

Il Monferrato Rosso 2007 Marcello di Vigne dei Mastri ha vinto la Douja d’Or 2009 nella sua categoria.

Un altro importante successo a cui brindare.